Ella si va, sentendosi laudare,
benignamente d’umiltà vestuta;
e par che sia una cosa venuta
da cielo in terra a miracol mostrare.

Se siete appassionati del Divino Poeta, non potete saltare questa tappa! Partite da Piazza della Signoria e prendete per via dei Calzaiuoli. Svoltate a destra per via del Corso, a pochi metri vedrete un archetto. Proseguite. Sulla sinistra è la chiesa di Santa Margherita d’Antiochia.

Una piccolissima chiesa ma molto suggestiva e ricca di quel fascino dovuto al tanto passato.

Molti quadri, soprattutto dell’Ottocento e inizio Novecento, raffigurano, davanti alla sua facciata, il “famoso” incontro che trasformò la vita del poeta, rendendola una vita “rinnovata dall’amore”. Ma come avvenne?

In base alle diverse ricostruzioni storiche, sappiamo che la casa di Dante Alighieri non era molto distante – infatti a pochi passi è possibile visitarla – e, sicuramente, Beatrice era solita andare a messa in quella chiesa perché vi era sepolto il padre Folco e la balia Monna Tessa.

Qualche altra ipotesi vuole che la stessa Beatrice sia sepolta lì.

Malgrado queste siano solo teorie difficilmente dimostrabili, ancora oggi all’interno della chiesa vi è posto un piccolo cestino dove si raccolgono i messaggi degli innamorati. Quindi se siete innamorati, o innamorati dell’amor cortese, fatevi prestare una penna e un foglio e lasciate qui i vostri amorevoli scritti.

Non sapete come fare? Seguite il nostro tour