- SURVIVAL KIT -

Commercio

Tax Free

Risultati 1 - 12 di 13

Global Blue Aeroporto Vespucci

c/o Aeroporto “Vespucci” – Check-in area

+39 055 375226

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare il modulo Tax Free, già rimborsato, alla dogana altrimenti l’importo rimborsato sarà addebitato sulla carta di credito.

Orari di Apertura

tutti i giorni 6-14

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Global Blue Via Calzaiuoli

c/o Forexchange Via dei Calzaiuoli 42r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare il modulo Tax Free, già rimborsato, alla dogana altrimenti l’importo rimborsato sarà addebitato sulla carta di credito.

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20.30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Global Blue via Por Santa Maria

c/o Forexchange Maccorp Italiana S. p. A. Via Por Santa Maria 3r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare il modulo Tax Free, già rimborsato, alla dogana altrimenti l’importo rimborsato sarà addebitato sulla carta di credito.

Orari di Apertura

lun-dom 8-20:30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

New Tax Free Aeroporto Vespucci

Aeroporto “Vespucci” – Check-in area

+39 055 3024285

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare il modulo Tax Free, già rimborsato, alla dogana altrimenti l’importo rimborsato sarà addebitato sulla carta di credito.

Orari di Apertura

tutti i giorni 6-14 - Fuori dall’orario di apertura risponde il fax.

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

New Tax Free Piazza San Giovanni

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A ), Piazza San Giovanni 7/8r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20.30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

New Tax Free Via de’ Calzaiuoli

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A. - Via dei Calzaiuoli 3r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20.30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

New Tax Free Via degli Avelli

c/o Forexchange Maccorp Italiana S.p.A. - Via degli Avelli 10r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare il modulo Tax Free, già rimborsato, alla dogana altrimenti l’importo rimborsato sarà addebitato sulla carta di credito.

Orari di Apertura

Lun-dom 9-20.

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Premier Tax Free Piazza del Mercato Nuovo

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A - Piazza Mercato Nuovo 2r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20.30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Premier Tax Free Piazza San Giovanni

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A. – Piazza San Giovanni 7/8r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20.30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Tax Refund Borgo dei Greci

c/o Forexchange Maccorp Italiana S.p.A. - Borgo dei Greci 10r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 09:00-20:00

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Tax Refund Piazza del Mercato Nuovo

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A. - Piazza Mercato Nuovo 2r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-20:30

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]

Tax Refund Piazza San Giovanni

c/o Forexchange - Maccorp Italiana S.p.A. - Piazza San Giovanni 7/8r

800 305357

Note

COME OTTENERE IL RIMBORSO DELL’IVA Chi non è residente nell’Unione Europea ha diritto al rimborso della tassa (IVA) pagata sugli acquisti che vengono esportati nel bagaglio personale. Il prezzo totale degli acquisti deve essere superiore al limite minimo stabilito dalla legge italiana: € 154,94 (IVA inclusa) spesi anche in più articoli, ma in un unico negozio, lo stesso giorno. Per il rimborso è necessario recarsi presso la compagnia di Cash Refund scelta dal negozio stesso in cui è stato effettuato l’acquisto (il nome della compagnia è presente su un modulo che viene rilasciato dal negoziante). Ogni compagnia di Cash Refund trattiene una commissione che varia secondo l’aliquota IVA applicata e l’importo dell’acquisto (il negoziante è in possesso di una tabella esemplificativa). Basta seguire questi tre semplici passi: 1. IN NEGOZIO Il negoziante consegna all’acquirente un “Tax Free Form” nel quale vanno inseriti nome, indirizzo e numero di passaporto. E’ importante conservare il form con la busta preaffrancata e ricordarsi di non utilizzare gli acquisti prima di lasciare l’Unione Europea. 2. TIMBRO DOGANALE Quando il turista lascia l’Unione Europea deve mostrare i suoi acquisti, i “Tax Free Form” e il passaporto ai funzionari della dogana, che apporranno un timbro sui forms. Il timbro deve essere apposto entro tre mesi dalla data di acquisto. Chi viaggia in aereo fa timbrare dalla dogana il “Tax Free Form” prima di fare il check-in. 3. RIMBORSO I “Tax Free Forms” timbrati vanno poi consegnati ad un Punto di Rimborso dopo il Controllo Passaporti (i principali Punti di Rimborso sono indicati sul retro del form). La compagnia di Cash Refund rimborserà in contanti o con accredito sulla carta di credito. Chi preferisce può spedire il form alla competente compagnia di Cash Refund, utilizzando la busta preaffrancata che verrà consegnata in negozio, e la compagnia accrediterà il rimborso. Quest’ultima modalità si rende necessaria se il turista non trovi alla dogana il “Cash Refund” o non possa fermarvisi. RIMBORSO IN CITTA’ Se si richiede il rimborso in città si deve presentare il passaporto ed una carta di credito con validità di almeno 4 mesi. Prima di lasciare l’Unione Europea si deve provvedere obbligatoriamente a far timbrare

Orari di Apertura

lun-dom 8.30-21

Fonte: Uffici Informazioni Turistiche Comune di Firenze - Piazza Stazione 4, [email protected] - Loggia del Bigallo, [email protected]