Oltrarno



L’Oltrarno è una delle zone più affascinanti di Firenze: quartiere delle botteghe artigiane, della vita notturna e dei fiorentini d.o.c. è il miglior posto dove sgranchirsi le gambe se sei ormai stanco di vedere musei. Al di là dei ponti incontrerai gli affollati monumenti. Da questa parte dell’Arno troverai invece tranquillità, mercatini in piazza, artigiani all’opera, ottime trattorie e – alla sera – una vivace movida.



Di una cosa devi essere certo a Firenze: da che parte dell’Arno ti trovi? Attraversare un ponte, alcune volte, cambia totalmente il panorama. Cambiare lato del fiume può significare anche cambiare il mood della città.



La tintarella non guasta mai. Durante le assolate giornate estive, le pescaie dell’Arno si popolano di fiorentini e turisti alla caccia di un raggio di sole. Piccoli angoli o di relax o spiaggette nascoste fra monumenti e ponti.




Il via vai sui ponti di Firenze è una certezza che regala sorprese. Ogni giorno, sui lungarni, puoi fare incontri che non ti aspetti.




Piazze, giardini e viuzze. Oppure, scalinate nascoste tra palazzi signorili, case popolari, chioschi vintage e distese di verde aggrappate ai colli. L’Oltrarno è tutto da esplorare, basta avere scarpe comode: la strada è lunga.



Firenze che non t’aspetti. Lontana dal caos, ricca di particolari misteriosi e meno conosciuti ma affascinanti. Goditi gli scorci dell’Oltrarno. I musei affollati sono altrove: l’essenza della fiorentinità la trovi qui.




Se hai ancora voglia di opere d’arte fai un salto in Palazzo Pitti, di musei qui ce ne sono a bizzeffe. E per un po’ di verde c’è l’immenso parco di Boboli, un must per tutti i turisti. Perchè da queste parti anche un giardino può essere un’opera d’arte.



Palazzi signorili e case tipiche. Eleganti boutique e laboratori d’artigiani. L’Oltrarno è un’esperienza che puoi vivere in tutte le sue sfaccettature. Prova a perderti tra storia, tradizione e particolari nascosti. Una camminata senza una meta precisa, alla scoperta dell’anima di Firenze. Tranquillo, non te ne pentirai.




Un bel pomeriggio a zonzo in Oltrarno? Niente di più semplice e gradevole: passa dall’antiquario, entra in libreria o curiosa in qualche chiostro storico. Semplicemente, lasciati conquistare dal lato più caratteristico della città: il “Diladdarno”.



Il cuore del’Oltrarno fa rima con una piazza: Santo Spirito. Dietro a una semplice facciata si nasconde una delle ultime e più grandi opere di Brunelleschi. Al di qua della basilica, una piazza che imparerai ad amare. Soprattutto d’estate: viva, trendy, vintage e senza orari. Tra caffè, librerie e trattorie tipiche: piazza Santo Spirito racchiude in sé la fiorentinità.




Non esiste solo il Cupolone del Duomo. Butta un occhio al di là d’Arno, magari con una visita all’affascinante Cestello. O più semplicemente girando tra viuzze e botteghe in cerca dell’oggetto irrinunciabile. L’Oltrarno significa ancora tradizione.



Il momento migliore per uscire sono le calde sere estive. Tra i lungarni e l’Oltrarno troverai un’effervescente vita notturna per tutti i gusti. Puoi perderti tra i locali bohémienne di Piazza Santo Spirito o decidere di berti un buon drink negli eleganti bar adagiati sui Lungarni. Insomma, da queste parti troverai sempre qualcuno e qualcosa da fare.




Piazza Santo Spirito: per alcuni è trasandata, per altri è semplicemente chic. Amatissima dai fiorentini, questo è sicuro. La migliore idea per rendertene conto? Concediti una visita al mercatino, una sosta nei suoi bar più retrò e un drink estivo sulle scalinate. Respira Firenze.